Omicidio a Torino sud

polizia

E’ stato riconosciuto l’uomo ucciso sabato sera in zona Mirafiori. La vittima è Osvaldo Squillace, di 43 anni di Moncalieri.
L’uomo, colpito da un’arma da fuoco, è stato ritrovato nella sua auto da un passante che con un’automobilista ha chiamato i soccorsi che sono giunti subito nel luogo del delitto. Tre pattuglie dei carabinieri e il pubblico ministero Manuela Pedrotta hanno analizzato la dinamica dell’incidente e il movente, che per ora sembra ancora sconosciuto.
Le cronache avevano parlato dell’uomo già qualche tempo fa quando, grazie ad un Gratta & Vinci, vinse 500 mila euro. Una vincita che l’aveva spinto ad abbandonare la ragazza e a fuggire senza lasciare traccia di sè. L’uomo sarebbe tornato a Torino per dividere la vincita con la donna.

  • Share/Bookmark

Fermata la banda del 40!

bulli

Dopo tre mesi di minacce, furti, botte e marachelle, la banda dei bulli è stata finalmente fermata.
I ragazzi, tutti tra i 15 e 16 anni, erano soliti trovare le loro vittime, tutti coetanei, durante il loro tragitto nel pullman linea 40 nella provincia di Moncalieri.

Finalmente una vittima ha trovato il coraggio di recarsi dai Carabinieri e confessare il tutto. Galeotto fu un paio di cuffiette per l’Ipod color verde acceso, una particolarità che diede agli agenti l’opportunità di trovare subito i responsabili del furto grazie ovviamente ad un’accurata descrizione dei piccoli furfanti.

Presi i tre ragazzi, questi si sono difesi: “Altro che rapine o furti: siamo solo dei burloni”.
Scemenze a parte, l’aumento della microcriminalità è sempre più presente nella nostra città fino a trasformarsi in una vera e propria piaga.

  • Share/Bookmark

Minacciato il re del telefonino

mobile.jpg

E’ caccia alle streghe per Wladimiro Tallini, conosciuto come Wladi, il ragazzo che sponsorizza suonerie per cellulari che hanno come protagonisti animali d’ogni sorta.
La sua carriera nell’ambito dell’intrattenimento da telefonia nasce nel 2006 dopo una suoneria dedicata ai Mondiali e da lì la sua carriera è stata tutta in ascesa fino a quando alcuni ragazzi torinesi hanno deciso di mettere a ferro e fuoco i locali di città e provincia per scovarlo e minacciarlo a morte.

Oggi il ragazzo ha paura fino al punto di sentirsi obbligato a presentare denuncia per le numerosissime lettere anonime e minacce ricevute. Se già questo aveva dell’assurdo, aspettate a stupirvi: a Wladi è stato anche dedicato una pagina su Facebook in cui ragazzi e ragazze promettono di aggredirlo presto, mentre sul blog del personaggio televisivo seguono le parole di chi lo insulta senza ritegno e lo accusa di rubare soldi allo Stato senza alcun merito artistico professionale.

Leggi tutto »

  • Share/Bookmark

Una commessa coraggiosa

soldi

Ha davvero coraggio da vendere una commessa di 25 anni che ha fatto arrestare il suo rapinatore che l’ultimo dell’anno le aveva puntato una pistola alle tempie e le aveva rubato l’incasso.

L’uomo è entrato a fine serata in una pellicceria di Via Madama Cristina, elegante via torinese e aveva intimato alla commessa di consegnargli l’incasso puntandole addosso una pistola. La ragazza spaventatissima, inizialmente gli ha consegnato l’intero incasso di 270 euro, ma appena l’uomo è uscito dal negozio l’ha seguito e ha chiamato i carabinieri per progettare la cattura del rapinatore. L’uomo è stato così bloccato e arrestato.

  • Share/Bookmark

Presa banda di ladruncoli minorenni

telefonini.jpg

Sono stati presi questa notte i ladruncoli extracomunitari che da giorni rubavano cellulari e portafogli soprattutto ai loro coetanei.
L’ultimo furto è stato messo a punto nella notte quando i ragazzi (tutti minorenni), hanno derubato ben otto persone dei loro telefonini minacciandoli con lamette e coltelli. I furti (ben cinque in una notte) sono tutti stati effettuati in zona madonna in campagna, nella zona di Via Stradella e Corso Giulio Cesare.

I carabinieri stanno ancora compiendo delle indagini per capire se i ragazzi fossero d’accordo con degli spacciatori per scambiare la merce rubata con della droga.

  • Share/Bookmark

Bimbo si butta dal balcone di casa

compiti.jpg

Illeso il bambino che questa mattina si è buttato dal balcone di casa dall’appartamento al quarto piano in zona San Salvario, un folle gesto salvato da una siepe vicina.

Il bambino era rimasto a casa perchè malato e in seguito ad una discussione con i genitori avrebbe tentato il suicidio. Il motivo, una rendita scolastica scarsa e la minaccia dei genitori di togliergli videogiochi e tv.

  • Share/Bookmark

Andrei era innocente

“Mi sono inventata tutto”, queste le parole della ragazzina di 14 anni che un mese fa aveva fatto incarcerare il ragazzo romeno di 24 anni per accusa di molestia sessuale e minacce.

Dopo 37 giorno di carcere il ragazzo torna finalmente alla sua vita normale e potrà dimenticare questa brutta avventura. La ragazzina lo aveva accusato ingiustamente solo per non dover confessare ai suoi gentori di aver già avuto rapporti col suo fidanzatino, anche lui poi interrogato. Da lui, la prima confessione: la sua ragazza si era inventata tutto.

Ora la 14enne è stata segnalata alla Procura dei minori per calunnia.

  • Share/Bookmark